Tom Dumoulin è ancora un contendente del Grand Tour, dice Zeeman

Tom Dumoulin è ancora un contendente del Grand Tour, dice Zeeman

“Ha fatto un enorme sviluppo personale e ora ha un quadro davvero chiaro”, afferma il regista di Jumbo-Visma.

Nelle prossime settimane Jumbo-Visma confermerà i loro piani e le loro formazioni dei Grand Tour, e mentre la leadership del Tour de France probabilmente ruoterà attorno a Primož Roglič e Jonas Vingegaard, il ruolo di Tom Dumoulin non è ancora scolpito nella pietra . Ciò che è chiaro, tuttavia, è che la squadra olandese considera ancora il 31enne un contendente del Grand Tour.

Dumoulin ha saltato una gara di tre settimane nel 2021 dopo aver interrotto la sua carriera agonistica nella prima metà della stagione, ma il vincitore del Giro d’Italia 2017 è tornato e ha vinto una medaglia d’argento nella cronometro alle Olimpiadi di Tokyo . Quando il percorso del Tour de France è uscito a ottobre, il capo della squadra Richard Plugge ha lasciato intendere che Dumoulin potrebbe tornare in gara nel 2022, e mentre è ancora così, la squadra sembra anche prendere in considerazione un ruolo di leadership per Dumoulin al Giro o alla Vuelta una Spagna.

Con un roster del Grand Tour così forte nel loro programma, la squadra ha sicuramente delle opzioni e nelle prossime due settimane la direzione, lo staff tecnico e i corridori formuleranno i loro piani per il prossimo anno.

“È un processo interessante. Naturalmente, Tom ha avuto quell’infortunio e la fine di questa stagione. È andato in vacanza, ma ora è tornato ad allenarsi e siamo in fase di progettazione. Per noi, vediamo anche Tom come un contendente del Grand Tour”, ha detto a Cyclingnews il capo direttore sportivo Merijn Zeeman dalla sua casa nei Paesi Bassi.

Zeeman ha contribuito a portare Dumoulin a Jumbo-Visma nel 2020 ed è stato al fianco del pilota quando ha deciso di prendersi una pausa tanto necessaria dallo sport l’anno scorso. Zeeman ha permesso a Dumoulin di tornare al suo ritmo e insieme la coppia ha raccolto i frutti nella seconda metà di questa stagione. Zeeman sembra avere il dito sul polso quando si tratta di lavorare con Dumoulin e comprendere le esigenze e le capacità del pilota.

“Ha fatto un enorme sviluppo personale e ora ha un quadro molto chiaro su come vuole lavorare e come vuole gestire tutte le cose nella sua vita sportiva”, ha detto Zeeman.

“Questo è un nuovo passo per lui, ma come pilota, per me, ha ancora le stesse qualità che aveva prima della pausa. È un ottimo pilota del GC nelle gare a tappe di una settimana ma anche nei Grandi Giri. Ha anche una cronometro davvero forte e una grande forza in montagna. È ciò di cui parleremo a dicembre e discuteremo anche di tutti gli obiettivi che avrà nel 2022″.

Con Roglič e Vingegaard che probabilmente occuperanno ruoli di leadership al Tour, una delle principali domande che Zeeman e Dumoulin devono affrontare è se inviare l’olandese al Tour. Un piano del genere rafforzerebbe sicuramente le capacità della squadra mentre cercano di sfidare l’UAE Team Emirates e Ineos Grenadiers, ma diluirebbe anche la posizione di Dumoulin come leader centrale, almeno dall’inizio della gara. Potrebbe esserci uno scenario in cui Dumoulin guida in un altro Grand Tour e mette i suoi sforzi per supportare il resto della squadra a luglio.

“Dobbiamo parlare ma vuole un ruolo accanto a Roglic, per esempio, o vuole la responsabilità esclusiva in un Grand Tour? Vuole avere un velocista accanto a lui? Ci sono tutte queste cose di cui dobbiamo discutere. Lo vediamo come un pilota molto importante in classifica generale”.

Roglič andrà al Tour nel 2022 dopo essere caduto quest’anno. Con la gara che inizia in Danimarca e dopo aver conquistato il secondo posto nel 2021, è probabile che anche Vingegaard ottenga l’approvazione. Non è ancora stato determinato se partirà alla pari con Roglič, ma è probabile che sarà un pilota protetto durante la prima settimana.

“È ancora in lavorazione, ma tutti sanno che per Jumbo Visma il Tour de France è la gara più importante dell’anno. Ciò significa che vogliamo pianificare una squadra il più forte possibile. Non sto dicendo che Primož e Jonas guideranno la squadra al Tour de France, ma tutti coloro che seguono il ciclismo sanno che una scelta del genere non sarebbe una grande sorpresa, ma non abbiamo ancora deciso di chiamare. Parleremo con tutti gli allenatori tra due settimane e poi con i piloti a dicembre. Finora abbiamo avuto diversi colloqui con Primoz e Jonas, entrambi sono ambiziosi e per il Tour, quindi sarebbe logico, ma faremo l’ultima chiamata nelle prossime settimane”.

Un po’ meno chiara la leadership del Giro d’Itaala di maggio. La mancanza di chilometri a cronometro di certo porta il percorso di gara verso gli arrampicatori puri ma secondo Zeeman diversi potenziali leader hanno alzato le mani e chiesto la possibilità di guidare la squadra. 

“È un lusso avere piloti così bravi, ma d’altra parte, ci vogliono anche molte discussioni e dinamiche di squadra per concentrarsi sui nostri obiettivi. Non ci siamo ancora con il Giro e abbiamo un gruppo di corridori con Roglič, Vingegaard, Dumoulin, Dennis, Foss, Kruijswijk, e non ci sono molti chilometri a cronometro nel Giro quindi potrebbe essere interessante per Kuss ma cosa Spero che tutti siano entusiasti di quella gara. Molti piloti mi hanno chiesto se possono andarci ed è un buon segno. È lo stesso con la Vuelta, che parte in Olanda e ha la cronometro a squadre”.

Il 23 dicembre, quando la squadra terrà la sua presentazione ad Amsterdam, tutte le risposte della leadership riceveranno risposta, ma fino ad allora Zeeman ha delle scelte buone ma difficili da fare.

Altri Articoli

L’importanza della dieta per un atleta: il caso Cristiano Ronaldo

L’importanza della dieta per un atleta: il caso Cristiano Ronaldo

Kelderman alla guida del tridente Bora-Hansgrohe in testa al Giro d’Italia

Kelderman alla guida del tridente Bora-Hansgrohe in testa al Giro d’Italia

Giro, Tour, Vuelta: chi guida quale Grand Tour nel 2022

Giro, Tour, Vuelta: chi guida quale Grand Tour nel 2022

Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia

Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.