Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia

Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia

Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia.

Jumbo-Visma ha confermato che quest’anno Tom Dumoulin correrà il Giro d’Italia e che l’olandese condividerà la leadership insieme a Tobias Foss. 

La squadra olandese ha anche annunciato durante la presentazione della squadra di martedì 2022 in Spagna che Primož Roglič e Jonas Vingegaard riceveranno il capitano congiunto per il Tour de France a luglio. La squadra non ha deciso i propri piani di leadership in classifica generale per la Vuelta a Espana, ma Wout van Aert punterà per la prima volta nella sua carriera alla maglia verde del Tour de France.

Come riportato la scorsa settimana da Cyclingnews , finora sei corridori sono stati confermati per il Tour de France, con Roglic e Vingegaard affiancati da Rohan Dennis , Sepp Kuss, Steven Kruijswijk e Wout Van Aert. Gli ultimi due posti nel roster di otto uomini del Tour saranno decisi dopo le classiche di primavera, mentre almeno 13 corridori sono nell’attuale longlist.

Roglič, che è arrivato secondo al Tour nel 2020 ma è caduto l’anno successivo, condividerà la leadership con la rivelazione del 2021 Vingegaard mentre la squadra olandese cerca di rovesciare il due volte vincitore Tadej Pogačar (UAE Team Emirates).

“Ci dirigiamo al Tour de France con due leader, a Roglič e Vingegaard”, ha detto a Cyclingnews il direttore del team Merijn Zeeman .

“Poi abbiamo Wout van Aert in un ruolo libero in modo che possa cogliere le sue opportunità. Oltre a loro ci sono Kuss e Kruijswijk come aiutanti importanti in montagna. Poi abbiamo Rohan Dennis che può aiutare in montagna e in pianura. Quelli sono le sei certezze e per i due posti rimasti abbiamo un gruppo più numeroso e decideremo dopo le Classiche”.

I prossimi mesi comporteranno senza dubbio speculazioni sulla leadership della squadra nel Tour e se sia Roglič che Vingegaard inizieranno davvero su un piano di parità. 

Zeeman ha confermato che entrambi i piloti godranno dello stesso livello di protezione e supporto, anche se ha riconosciuto che la vasta esperienza di Roglič potrebbe dare un vantaggio naturale sulla strada con il tre volte vincitore della Vuelta che cerca di assicurarsi il suo primo Tour.

“Jonas e Primož sono entrambi i nostri leader A, ed è combinato”, ha detto Zeeman. “Ovviamente, se guardi al palmares, Primož è il grande leader, ma iniziamo la gara con i leader della combinata. Primož è sempre avanti in questo senso, ma abbiamo grande fiducia in Jonas e che può essere un leader. Noi Lo aiuterò e lo tratterò anche così.

“Il bello del ciclismo è che non si sa mai. Nei giorni in cui non ti aspetti qualcosa, non è mai controllato. Ovviamente, Pogačar è il due volte vincitore del Tour de France, è forte su tutti i terreni e ha un forte squadra e ci stiamo preparando da mesi quando si tratta del nostro piano e del nostro programma di gara, ma la cosa buona del ciclismo è che la gara può cambiare in qualsiasi momento, devi solo essere preparato il più possibile”.Annuncio pubblicitario

L’incorporazione del nuovo acquisto Rohan Dennis la dice lunga sulla fiducia tra la squadra e il pilota australiano, anche in questa fase iniziale della loro relazione. 

Dennis, un corridore di indubbia classe, ha abbandonato il suo ultimo Tour de France nel 2019 in circostanze controverse mentre era nella squadra del Bahrain e, nonostante una maglia gialla a suo nome, il suo track record in tre settimane è irregolare, avendo completato solo quattro di dieci Grandi Giri. Sebbene alcune di quelle partenze anticipate fossero pianificate, la sua prima inclusione nel roster di Jumbo è un segno di intenzione.

“Ho cercato di inserire Rohan nella squadra per diversi anni ed è stato un grande successo portarlo avanti”, ha detto Zeeman a Cyclingnews .

“Siamo davvero entusiasti di questo e ha così tante qualità. È molto adatto a sostenerci in un Grand Tour perché può fare il lavoro che Tony Martin ha fatto per noi, ma sappiamo tutti come ha aiutato Geoghegan Hart al Giro nel 2020. Per noi è un contributo da sogno alla squadra.

“Sono successe molte cose [in passato] ma credo nel nostro programma dal punto di vista fisico e mentale. Comunica molto bene e stiamo costruendo un buon rapporto. Non ho dubbi su di lui e sono convinto che renderà migliore la nostra squadra”.

Dumoulin e Foss al Giro d’Italia

La doppia struttura di leadership al Tour sarà replicata al Giro d’Italia con l’ex vincitore Tom Dumoulin in fila al fianco di Tobias Foss. 

L’esperto pilota olandese si è preso una pausa dalle corse all’inizio del 2021 per motivi personali e dopo aver saltato i compiti del Grand Tour per un’intera stagione si dirige in Italia per la prima volta dal 2018. Non è chiaro se Dumoulin sia ancora una forza in tre- settimana di gare, ma il suo ritorno a metà stagione nel 2021 ha suggerito che la sua forma e la sua motivazione sono tornate in carreggiata.

“Tom che va al Giro è una storia molto bella e interessante”, ha suggerito Zeeman. “Tom si è davvero preso il suo tempo per lo sviluppo personale e la riflessione. Questo è qualcosa che vuole davvero e questa è davvero la sua ambizione per il Giro. Per noi è una notizia davvero emozionante e rende la nostra formazione davvero forte.

“Ne abbiamo discusso insieme e per tre settimane darà tutto. Non sappiamo ancora se potrà competere per la vittoria, ma avremo il nostro obiettivo e gli daremo tutto il supporto possibile. Noi’ sono orgoglioso di essere tornato e di essere stato ispirato a farlo”. 

Foss probabilmente trarrà vantaggio dalla presenza di Dumoulin con il norvegese che difficilmente condividerà gli stessi livelli di pressione e aspettativa. Il giovane norvegese è arrivato nono assoluto alla Corsa Rosa nel 2021 e ha vinto il Tour de l’Avenir nel 2019.Annuncio pubblicitario

“Tobias è uno dei ragazzi che stiamo sviluppando per il futuro. Non vogliamo metterlo sotto pressione, ma questa è la direzione in cui pensiamo che possa andare. Tom è molto più esperto ed è un passo avanti, ma sosterremo Tobias, è ancora in fase di sviluppo, quindi non c’è pressione ma lo prepareremo il più possibile”.

Zeeman ha aggiunto che i piani della squadra per la Vuelta a España non sono ancora definitivi, ma ha aggiunto che la partenza in Olanda significava che sia Robert Gesink che Kruijswijk sarebbero stati entrambi sulla lista di partenza. 

Jumbo-Visma per il Tour de France 2022

  • Primož Roglič
  • Jonas Vingegaard
  • Wout van Aert
  • Steven Kruijswijk
  • Rohan Dennis
  • Sepp Kuss
  • Luogo non confermato
  • Luogo non confermato

Altri Articoli

L’importanza della dieta per un atleta: il caso Cristiano Ronaldo

L’importanza della dieta per un atleta: il caso Cristiano Ronaldo

Tom Dumoulin è ancora un contendente del Grand Tour, dice Zeeman

Tom Dumoulin è ancora un contendente del Grand Tour, dice Zeeman

Kelderman alla guida del tridente Bora-Hansgrohe in testa al Giro d’Italia

Kelderman alla guida del tridente Bora-Hansgrohe in testa al Giro d’Italia

Giro, Tour, Vuelta: chi guida quale Grand Tour nel 2022

Giro, Tour, Vuelta: chi guida quale Grand Tour nel 2022

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.