Giro, Tour, Vuelta: chi guida quale Grand Tour nel 2022

Giro, Tour, Vuelta: chi guida quale Grand Tour nel 2022

Il Tour de France è ancora al centro della stagione, ma il Giro offre un’affascinante battaglia in montagna mentre la Vuelta è una rivincita e occasione per il doppio.

La serie di presentazioni delle squadre e interviste ai grandi nomi della scorsa settimana significa che sappiamo in gran parte quali corridori si rivolgono a quali Grand Tour nel 2022. Ora possiamo preparare i nostri diari del Grand Tour e capire meglio quali scenari di gara e quali piloti domineranno le più grandi gare sportive di maggio , luglio e fine estate.

Il Tour de France ha attirato ancora una volta i più grandi nomi del gruppo e finalmente promette una battaglia reale tra UAE Team Emirates, Jumbo-Visma e Ineos Grenadiers, in particolare tra Tadej Pogačar, Primož Roglič ed Egan Bernal.

Il Giro d’Italia dovrebbe produrre una battaglia in montagna per la maglia ros a, mentre la Vuelta a España sarà ancora una volta una rivincita ma la presenza del due volte vincitore del Tour Pogačar alzerà il livello e l’attenzione del terzo Grand Tour dell’anno.

Bernal si è concentrato sul Giro d’Italia nel 2021, vincendo la maglia rosa a Milano, ma con l’attenuarsi dei problemi alla schiena, Ineos Grenadiers lo ha invitato a impedire a Pogačar di vincere il terzo Tour de France consecutivo. Jumbo-Visma ha nuovamente riposto fiducia in Roglič per il Tour, selezionando anche Jonas Vingegaard come caposquadra congiunto dopo il suo secondo posto decisivo al debutto lo scorso anno. Con Rohan Dennis, Sepp Kuss, Steven Kruijswijk e Wout van Aert, la squadra olandese ha una rosa super forte per luglio.

Bernal dovrebbe avere al suo fianco Geraint Thomas, Filippo Ganna, Daniel Martínez e Pavel Sivakov, mentre Richard Carapaz, Tao Geoghegan Hart e Richie Porte si concentreranno sul Giro d’Italia.

Pogačar può contare su una squadra rafforzata dell’UAE Team Emirates, con George Bennett, Marc Soler e Brandon McNulty nella sua guardia per le montagne del Tour, mentre João Almeida punta al Giro d’Italia con Davide Formolo e Diego Ulissi.

Un colpo al podio del Tour de France richiede talento speciale, una squadra forte e un budget da super-squadra, quindi è difficile vedere oltre i “tre grandi”, con cadute e infortuni le variabili più grandi. Tuttavia, altri contendenti al Tour de France e possibili disgregatori includono il campione del mondo Julian Alaphilippe (QuickStep-AlphaVinyl), Thibaut Pinot e David Gaudu del Groupama-FDJ, Ben O’Connor (AG2R Citroën), Alexey Lutsenko (Astana Qazaqstan), Guillaume Martin ( Cofidis), Jack Haig (Bahrain Victorious) ed Enric Mas (Movistar).

La 109a edizione del Tour de France sembra essere finemente equilibrata, con una cronometro di apertura di 13 km a Copenaghen, una tappa sul selciato della Parigi-Roubaix, un primo arrivo in montagna a La Planche des Belles Filles, un ritorno ai leggendari tornanti di L’Alpe d’Huez, più arrivi in ​​vetta nei Pirenei e un’ultima cronometro di 40 km.

Le strade esposte della Danimarca e del nord della Francia e la tappa acciottolata per Wallers-Arenberg significheranno che i contendenti in assoluto dovranno essere corridori completi, in grado di combattere a livello e correre sul pavé nella prima settimana.

Qualcuno può impedire a Pogačar di vincere la sua terza maglia gialla? Sembra improbabile, ma lo scopriremo tra l’1 e il 24 luglio, quando il vincitore finale sarà incoronato a Parigi.

Giro: Dumoulin vs Simon Yates vs Carapaz vs Almeida

Il Giro d’Italia probabilmente manca della presenza dei più grandi nomi delle corse del Grand Tour, ma dovrebbe compensare con lividi, battaglie ad alta quota in montagna.

La Corsa Rosa è una cronometro leggera e pesante da montagna, con soli 26 km contro il cronometro: una cronometro di 9,2 km nella seconda tappa in Ungheria e poi un’ultima cronometro di 17,1 km intorno a Verona. È la cronometro più bassa della corsa italiana in 60 anni, con oltre 51.000 metri di dislivello dall’Etna e dal Blockhaus a sud al Mortirolo, Pordoi e Fedaia nell’ultima settimana. 

Dominano le montagne di media montagna e il percorso si presta a un certo grado di invenzione, il che significa che il Giro d’Italia dovrebbe essere ancora una volta il Grand Tour fisicamente più impegnativo dell’anno.

Richard Carapaz (Ineos Grenadiers) ha sigillato la vittoria assoluta a Verona nel 2019 e immagina di nuovo le sue possibilità contro il vincitore del 2017 Tom Dumoulin (Jumbo-Visma), Simon Yates (BikeExchange-Jayco), Giulio Ciccone (Trek-Segafredo), Miguel Ángel López (Astana Qazaqstan), Rigoberto Urán (EF Education-Easypost), Almeida, Emanuel Buchmann (Bora-Hansgrohe) e Mikel Landa (Bahrain Victorious).

Carapaz sarà affiancato dal vincitore del 2020 Geoghegan Hart e Tom Pidcock, ed entrambi potrebbero rivelarsi leader alternativi, se necessario. Pidcock forse non ha esperienza nel Grand Tour, ma ha vinto il Baby Giro under 23 su un percorso di prova nel 2020. Dumoulin avrà il supporto di Tobias Foss, che era nono nel 2021 solo nel suo secondo Grand Tour dopo aver vinto il Tour de L’Avenir 2019 .

Con Remco Evenepoel concentrato sulla Vuelta a España, QuickStep-AlphaVinyl spera che i loro giovani Mauri Vansevenant e Ilan Van Wilder possano impressionare al Giro d’Italia insieme al loro corridore locale Fausto Masnada. Il due volte vincitore del Giro Vincenzo Nibali (Astana Qazaqstan) è il veterano della Corsa Rosa all’età di 37 anni e Alejandro Valverde (Movistar) è il vero decano a 41 anni.  

Possibile doppio Tour-Vuelta nel 2022

Artisti del calibro di Guillaume Martin, López e Nibali sono chiamati a correre sia al Giro d’Italia che al Tour de France, ma nessuno di loro ha una reale possibilità di fare il doppio del Giro-Tour. Marco Pantani è stato l’ultimo nel 1998 e la sua carriera nel Grand Tour si è conclusa drammaticamente un anno dopo, quando è stato colto da un ematocrito alto.

Pogačar ha lasciato intendere che un giorno tenterà il doppio Giro-Tour, ma è probabile che avvenga al più presto nel 2023. Si prevede che tenterà il più facile doppio Tour-Vuelta nel 2022, e in Spagna affronterà Evenepoel, Quintana, Adam Yates, Carapaz, Valverde, Mas e forse anche Roglič. Tale è il roster del Grand Tour dell’UAE Team Emirates che potrebbero schierare anche Brandon McNulty, Marc Soler e Almeida come leader o supporto per il ragazzo re dei Grand Tour.

La Vuelta prevede tre giorni di apertura nei Paesi Bassi, che potrebbero tentare Dumoulin e altri, prima di finire a Madrid l’11 settembre. La gara spagnola serve ancora una volta enormi salite attraverso catene montuose familiari dei Pirenei, Sierra Nevada, Picos de Europa e giornate pianeggianti battute dal vento sulle aride pianure.

La cronometro di 23,2 km intorno a Utrecht plasmerà le prime fasi, con una seconda cronometro di 31 km ad Alicante che bilancia le tappe di montagna e altri arrivi più brevi ma ripidi.

Evenepoel ha lottato al Giro d’Italia 2021 dopo un ritorno affrettato dal suo infortunio alla schiena Il Lombardia. La Vuelta a España è la scelta logica per lui di tornare e finalmente capire e dimostrare se potrà mai vincere un Grand Tour. Tuttavia, la presenza di Pogacar e Roglič potrebbe sminuire le sue speranze e ambizioni.    

Roglič ha ammesso a Cyclingnews di non essere a conoscenza del fatto che se avesse vinto la Vuelta a settembre sarebbe diventato il primo corridore a vincere il Grand Tour di Spagna in quattro occasioni consecutive.

La Vuelta a España è dall’altra parte del Tour de France e Roglič deve prima affrontare i pericoli della gara francese nella speranza che la sua presenza in Spagna non compensi l’ulteriore delusione del Tour.

“Tutti sanno che sto facendo il Tour solo per essere più preparato per la Vuelta”, ha scherzato martedì scorso, sottolineando come, in verità, il Tour sia ancora il fulcro di ogni stagione.

Altri Articoli

L’importanza della dieta per un atleta: il caso Cristiano Ronaldo

L’importanza della dieta per un atleta: il caso Cristiano Ronaldo

Tom Dumoulin è ancora un contendente del Grand Tour, dice Zeeman

Tom Dumoulin è ancora un contendente del Grand Tour, dice Zeeman

Kelderman alla guida del tridente Bora-Hansgrohe in testa al Giro d’Italia

Kelderman alla guida del tridente Bora-Hansgrohe in testa al Giro d’Italia

Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia

Roglic e Vingegaard condividono la leadership del Tour de France mentre Dumoulin e Foss si dirigono al Giro d’Italia

No Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.